Home
  1. Storie Piccanti
  2.  
  3. Nella mia vagina c'è la siccità: bagnami

Nella mia vagina c'è la siccità: bagnami

Nella vagina della dottoressa Ada c'è la siccità. Da troppi mesi non cade la pioggia della passione carnale: è il momento di abbeverarsi.

Nella mia vagina c'è la siccità: bagnami
Foto: pixabay.com.

Nella mia vagina c'è la siccità: bagnami

 

1. La casa di Ada e la gatta Felicia4. La nutrizionista e le scopate con i clienti
2. La siccità di Ada spenta dal giovane maschietto5. La pioggia cade sopra la siccità di Ada bagnandola tutta
3. Il giovane bagna la siccità di Ada in camera da letto

Ada è irrequieta. Sono passati troppi mesi dall'ultima volta che ha fatto sesso. Non è da lei, abituata a colmare i fine settimana con amplessi da urlo. Gli urli della sua vagina al culmine dell'orgasmo e gli urli dei maschietti che hanno il piacere di appagarla.

Ada si morde le dita non potendo più mangiarsi le unghie consumate. Il lavoro ha riempito il conto corrente, ma svuotato la sua vagina ed ora vive la siccità.

Nel social network del porno chatta da alcuni giorni con un giovane maschietto. Si sono scambiati qualche foto e adesso non vede l'ora di farlo entrare. Quando lui finalmente le chiede di vedersi per fottere, lei ha risposto sintetica:

'Nella mia vagina c'è la siccità: bagnami.'

Lui è alle prime esperienze ed è caduto dalla sedia nel leggere il messaggio così esplicito, da non lasciare in lui dubbi sul da farsi. Non ha atteso il fine settimana, appuntamento fissato per il giorno successivo. C'è poco da attendere anche per Ada, da lungo tempo a secco, finalmente avrebbe ricevuto la pioggia del piacere dentro di lei.

La casa di Ada e la gatta Felicia

Ada li riceve tutti nella sua casa nel centro storico del paesino dove vive con la gatta Felicia. Una gatta vogliosa come lei. Lo scorso anno, durante la stagione degli amori, l'ha sentita miagolare forte sul tetto come mai prima. Credendola in pericolo è corsa di sopra e invece l'ha trovata in un angolo accucciata con un maschio che non ne voleva sapere di uscire. La storia è finita con una bella cucciolata.

Tutti in paese sanno che la dottoressa Ada ospita "amici" nel fine settimana. Le curiosone pettegole del vicinato sbirciano sempre dalle persiane semi chiuse per vedere il prossimo giovanotto che andrà a letto con la dottoressa. Ma Ada da alcuni mesi vive un periodo di aridità non cercato ed anche le vicine si sono preoccupate per lei. Una di esse ha avuto addirittura il coraggio di chiedere.

'Dottoressa? Tutto bene? Non vi vedo più in compagnia...'

Ada avrebbe volentieri risposto in dialetto, ma avrebbe significato abbassarsi troppo e non può permetterselo. Ha risposto con un sorriso ampio e le labbra che sembravano la carta abrasiva spessa un millimetro. L'avrebbe volentieri passata sul suo corpo di donna insoddisfatta. Il marito regolarmente ogni 15 giorni va dal barbiere e quando esce frequenta la puttana di via Reggimento. Anche questo tutti lo sanno, lei però finge di non sapere. Ada non poteva certo abbassarsi a tanto, meglio il sorriso.

La siccità di Ada spenta dal giovane maschietto

Lui ha 22 anni. Un tipo timido ma un bel ragazzo muscoloso e alto quanto lei. Lavora nella cava in roccia che si è mangiata mezza montagna. Il suo lavoro contribuisce indubbiamente a formargli il fisico. Quando Ada ha visto la foto del nudo integrale è rimasta a bocca aperta e istintivamente ha portato una mano alla sua bella vagina rasata. Quello doveva essere suo al più presto, aveva desiderato. Un cazzo lungo, bello e giovane così, non poteva mancare alla sua collezione e forse avrebbe addirittura potuto diventare suo amante per un breve periodo.

'Ciao! Come stai?'

Lo accoglie in casa come si conoscessero da tempo. Lui ha portato dei fiori e visto che d'estate i cioccolatini si sciolgono, ha preferito evitare.

Ada ama i fiori e nel profilo del social porno è messo bene in evidenza. Come a dire: 'Non presentarti senza che altrimenti rischi di andare in bianco.'

Si accomodano sul divano in soggiorno. Lui impacciato ma Ada accarezzandolo lo scioglie subito. C'è poco da attendere. Ada bacia il ventiduenne in bocca trasferendogli un fuoco che fa sudare entrambe da subito. Ada poggia la mano sul cazzo già duro. Proprio come visto in foto: imponente. Quello dentro l'avrebbe sicuramente consolata e fatta dimenticare la lunga siccità sessuale.

Più disinvolto di prima bacia Ada sul collo, lei gli tiene il capo e lascia che il giovane faccia scendere le prime gocce di passione sulla pelle arida. Gli tremano le mani nell'aprirle la camicetta a fiori, non riesce a staccare i bottoni. Ada ha un seno così prosperoso che tutti i maschi si emozionano già prima di vederlo nudo.

Ada toglie il reggiseno, lui stringe il cazzo nella mano sinistra dall'emozione provata; con la faccia si butta dentro, poi lo morde, lecca, succhia i capezzoli, si inventa di tutto pur di restare attaccato alle tette di Ada. La dottoressa apprezza, le gocce di pioggia sono sempre più grandi, la terra finalmente riceve quanto aspettava da tempo.

Il giovane bagna la siccità di Ada in camera da letto

Dalla stradina del paesino salgono canti di preghiera, il parroco ha organizzato una processione con il santo patrono per invocare la pioggia. Come se questo bastasse a risolvere il problema dell'inquinamento ambientale. Da una parte pregano, dall'altra non fanno raccolta differenziata e continuano a sprecare energia elettrica ed acqua.

I canti di preghiera salgono fino alla sua camera da letto. Le persiane sono quasi completamente chiuse, giusto un filo per permettere all'aria di circolare. Le porte finestre della camera da letto sono spalancate. I canti religiosi si mescolano alle loro voci di passione e diventano un unico suono che si eleva verso il cielo.

Lei gode a bocca spalancata, con suono ritmico sembra tenga il tempo a quelli di sotto, come fosse la maestra del coro. In passato ha fatto la catechista in chiesa, ma accadeva molti anni fa. Ora preferisce istruire i giovani cazzi conquistati nel web come questo che ha dentro da mezz'ora e che non accenna proprio a smettere di rallegrarle la vagina che da alcuni mesi viveva la siccità.

Anche il sindaco partecipa alla processione, proprio lui che lo scorso anno si era opposto al piano provinciale di riduzione degli inquinanti nell'atmosfera, per far contento il suo elettorato. La Provincia voleva imporre dei limiti nell'uso dei camini e delle auto nei centri storici dei paesi. Anche in quel caso si mosse l'intero paese, ma senza il santo da portare a spalla.

Ada continua a prendersi il cazzo del giovane ventiduenne dentro. A lui non gli sembra vero di essere sopra una 45 enne formosa e dalla pelle così liscia e pescosa. Ada infatti dimostra 35 anni o qualcosa meno, quando raccoglie i lunghi capelli castani. Tutto merito della palestra abbinata allo stile alimentare. Lei di mestiere fa la nutrizionista e come potrebbe fare il suo lavoro se non è da esempio ai suoi clienti.

La nutrizionista e le scopate con i clienti

A proposito di clienti, un paio di volte si è concessa. Si trattava di clienti che venivano da fuori e molto danarosi. Quelli li ha scopati direttamente nello studio a margine dell'orario di apertura. Uno dei due l'ha scopata sulla scrivania. Non credeva si potessero sperimentare così tante posizioni con una scrivania. Ci sono addirittura saliti in due sopra dopo averla sgomberata di ogni cosa. Lei a pecora e lui dietro in piedi che infilava nel culo e nella vagina. La scrivania in legno massello ha retto seppur scricchiolando. Il cliente la teneva per i fianchi dolcemente paffuti, contento di scoparsi la nutrizionista: lei non è per le diete che ti tolgono le forme e ti riducono pelle e ossa. Poi si è lasciata sborrare in faccia come ha voluto lui: è stata ricoperta.

La seconda scopata non è stata entusiasmante, il cliente era privo di fantasia. L'amplesso si è svolto interamente sulla sedia dove il cliente era seduto. L'unico piacere che ha saputo provocarle oltre quello della figa è stato ai capezzoli tenuti in bocca tutto il tempo della scopata. Prima che lui venisse si è alzata e inginocchiandosi davanti al cliente si è lasciata venire sulle tette dalle forme prosperose. Lui ha urlato molto nel venire, questo lo deve riconoscere. Il cliente è sicuramente rimasto molto soddisfatto della prestazione, lei no.

La pioggia cade sopra la siccità di Ada bagnandola tutta

Ada i giovani li lascia venire liberamente dentro di lei. Sa che per loro è un'esperienza unica sborrare nella vagina di una donna, ancor di più se di molto più grande. Di conseguenza diventa un'esperienza unica anche per lei. Avverte sul suo corpo, dentro di sé, tutta la carica libidinosa del giovane maschio che per la prima volta sborra in una figa senza profilattico. Si abbevera alla fonte della loro incontenibile passione sessuale. Spesso anche dopo l'orgasmo continuano a spingere dentro di lei incapaci di fermarsi e lei li accoglie, si prende il loro ardore giovanile: non desidera altro.

'Ah! Ah! Non fermarti ti prego. Non fermarti. Continua così. Sì! Sì! Ah! Ah! Bravo! Bravissimo!'

Lui infila il cazzo imponente dentro di lei, bagnato dagli umori vaginali fuoriusciti a fiotti, scivola in profondità veloce e potente.

'Fottimi! Sì! Ah! Ah! Fottimi ancora. Non fermarti. Ah! Ah!'

E lui accelera, contento di regalare tanto piacere a una quarantacinquenne passionale come lei. Ada ha il fuoco dentro e lui è il suo pompiere pronto ad aprire l'idrante. Ada avverte quanto lui sia pronto ad aprire la valvola e si prepara a ricevere la pioggia.

Come tuoni e fulmini precedono la pioggia, così il giovane ragazzone timido e carico di sperma si prepara alla pioggia con vocalizzi cavernosi, fulminando Ada col cazzo imponente.

'Oh! Oh! Oh! Oooh! Oooh! Ooh! Ooooohhh!!'

'Sì! Sì! Vieni! Vieni! Bagnami! Bagnami! Nella mia vagina c'è la siccità: bagnami. Ouff! Sì!'

Il letto in ferro battuto sbatte nel muro a ripetizione, con rumore tonfo riverbera come un tuono in tutta la casa. Per evitare di doverlo ogni volta far riparare ai muratori, ha messo una imbottitura all'estremità superiore. I giovani maschi si sa, quando vengono sono rulli compressori, bisonti arrapati, elefanti inferociti che non puoi fermare in alcun modo. Ma Ada, la nutrizionista appassionata di giovani cazzi di prima esperienza, ama la loro incontenibile passione.

Fuori la processione è solo una flebile cantilena. Di pioggia neanche l'ombra, il cielo è limpido. La camera da letto di Ada, rischiarata dalla Luna piena, si trasforma in un fiume di passione carnale in piena per tutta la notte.

arrow up

Ti è piaciuto? Goditi il momento di piacere e raccontami nei commenti qui sotto sensazioni, emozioni, fantasie bagnate. Diventeranno una storia. Oppure scrivimi: raccontipiccanti[chiocciola]raccontipiccanti.xyz. (Privacy Assoluta).

Storie Piccanti Recenti

Halloween post party. Scopa amica con accanto marito ubriaco    ♠ Scopata da suocero e fidanzato 10 giorni prima del matrimonio    ♠ Lo psicologo e la psicologa fottono sul lettino del paziente    ♠ Scopata con la mia vicina di casa incinta    ♠ I fratelli gemelli e la sorella. Incesto a tre    ♠ Sesso estivo nel museo con mia sorella