'Sesso Estivo in Famiglia'. Nuovo ebook di Racconti Erotici per un'Estate trasgressiva. Scaricalo da: Kobo e KoboBooksAmazonGoogle PlayLaFeltrinelliibs.it. Lo leggi anche da smartphone e tablet. Godi d'immenso piacere!
    Home
  1. Piccanti Orge
  2.  
  3. Orgia con la giudice amante dell'anilingus

Orgia con la giudice amante dell'anilingus

Durante una festa del sesso, mentre incula una ragazza, la giudice amante dell'anilingus a sorpresa gli lecca il culo e...

Anilingus - Rimjob
Foto: castingcouch-x.com.

Non avevo mai provato un'esperienza come quella di sabato sera. Come ogni sabato avevo aderito all'orgia organizzata da una mia amica. Lei lo fa per mestiere. Sì, in Italia non è permesso... Ma cosa è permesso in questo Paese, se prima non produci un centinaio di pagine di carta protocollata, bollata con decine di euro di marca da bollo?

Tralasciamo le polemiche perché quello che ho vissuto sabato sera per me è stato senza precedenti. Una scoperta! Si è spalancato un nuovo mondo davanti a me. Ho scoperto una nuova isola dei piaceri del sesso a me sconosciuta. Un luogo dove il vero protagonista è lei e non io, dove le parti sono invertite e devo dire che, dopo l'iniziale sconcerto ho provato un piacere unico.

L'anilingus della signora giudice

Mi trovavo su di un materasso al centro della stanza con un paio di ragazze conosciute alcune orge prima. Mi stavo inchiappettando una e l'altra sotto mi leccava le palle facendosi leccare la vagina da quella che mi tenevo a pecora. Accanto a noi e dietro di me, altri materassi spiattellati da ammucchiate di sesso selvaggio. Le pazze giornate di caldo della settimana appena trascorsa, avevano reso l'aria calda e particolarmente eccitata, come solo la primavera e l'estate sanno rendere. Tutti eravamo galvanizzati da quella inattesa aria primaverile. Voci di godimento sessuale si elevavano da tutti i materassi in tutte le stanze. Urla di uomini in calore provenivano da ogni dove. Gemiti di femmine finalmente soddisfatte dopo una settimana di intenso lavoro, provavano le gioie del sesso di gruppo.

Tutto imperlato di sudore continuavo a ficcare il cazzo nel stretto buco anale della giovane, che non sapevo essere la mia collega di lavoro dell'ufficio accanto. Quella che da tempo tentavo di portare a un'orgia e mi aveva sempre detto di no. L'altra era una sua amica, avvezza a certe scenografie da sabato notte trasgressivo: ci veniva con l'ex marito prima di lasciarlo per sempre. Non potevo riconoscerla perché alle feste del sesso della mia amica, indossiamo una maschera della privacy.

Com'era bello penetrare il fresco culo e sentire le mie palle succhiate da labbra femminili. Ero al massimo del godimento, quando avvertii le mie chiappe essere prese, allargate e qualcosa di umido ma piccolo, che si intrufolava. Io ero un po' brillo e i riflessi ci hanno messo del tempo per reagire. Ho temuto di essere inculato da qualcuno, anche se l'organizzatrice mi aveva assicurato che non si trattava di una serata aperta ai froci. Non sopporto le orge miste, a me piace il sesso etero.

Dopo alcuni secondi sono riuscito finalmente a girare la testa per vedere cosa succedeva al mio culo. So che piace e quindi devo stare attento. Durante un'orgia di alcuni anni fa, ero talmente ubriaco che non riuscii a evitare che un frocio mi sborrasse nel culo mentre io chiavavo con una professoressa di matematica appena conosciuta. Sospiro di sollievo e allo stesso tempo grande stupore, nell'accorgermi che ad aprirmi le chiappe era una donna. Mi esplorava l'ano con la lingua umida di saliva. Che strana sensazione. Di solito sono io che butto la lingua nel culo delle femmine e faccio scendere la mia saliva per lubrificare prima della penetrazione anale.

Questa mi stava gratificando il culo con la sua lingua senza neanche chiedermi il permesso...

'Ehi! Ma che fai!'

'Oh... Scusa... Non ho resistito...' La donna si è alzata, mi ha abbracciato da dietro stringendo le mani al petto per parlarmi all'orecchio.

'Non ho resistito al tuo culo. Posso continuare mentre tu ti fotti questa...'

Lo diceva con una voce così dolce che non ho potuto negarle il permesso.

'Va bene... Solo almeno dimmi il tuo nick.'

'Io sono Miss Anilingus e sono una giudice del tribunale di xxx...'

Colto alla sprovvista da quelle parole, ho penetrato la collega scomposto, tanto che quella, mezza ubriaca, ha protestato perché le facevo troppo male. Le ho detto il mio nick della sera e che di mestiere faccio l'operaio specializzato. Questo particolare sembrava piacerle particolarmente. Ridiscese verso le mie chiappe. Avvertivo ancora una volta quella sgradevole sensazione di qualcuno che mi apre le chiappe da dietro. Sapevo che era lei, ma proprio non mi piace, poi ha infilato la sua lingua e ripreso a esplorare: questo mi è piaciuto. Ho provato una strana sensazione di piacere, mai conosciuta prima. Un piacere misto a solletico, prurito intenso che mi pervadeva le palle, il cazzo, fino all'addome.

Una amante dell'anilingus

Lei mi accarezzava le chiappe e con la lingua esplorava il mio ano. Avevo trovato una amante dell'anilingus. Una giudice a cui nel fine settimana piace leccare l'ano dei maschi durante le orge.

Io intanto mi fottevo la giovane, ignaro di scoparmi la collega che ho sempre desiderato fottere. Il mio cazzo, più reattivo di prima, sprofondava tra le natiche della bionda dagli occhi verdi con rinnovata intensità. Non più solo il piacere anale provato dal mio cazzo, non solo le mie palle deliziate dalla lingua di quella sotto di noi, anche una seconda lingua femminile nel mio ano. L'anilingus della giudice... che sensazione! Il mio cazzo non era mai stato così bene come durante quella festa del sesso. Tutti quegli stimoli, tutti quei leccamenti di palle e di ano, lo facevano diventare duro come una delle travi di ferro che saldo nelle profondità dei mari di mezzo mondo, a sostegno delle piattaforme petrolifere.

Di solito sono solo a 100 metri di profondità mentre saldo parti in ferro tra loro. Quel sabato ero con due collaboratrici molto attive e deliziose. Mentre io saldavo il mio cazzo nel culo della collega giovane e bionda, loro due mi sostenevano con prodigiose leccate di culo e di palle. A un certo punto non ho più avvertito il sonno che di solito mi viene alle 3 del mattino; non ho più avuto la testa offuscata dall'alcool bevuto al ristorante. Sono tornato pienamente in possesso delle mie facoltà e, assolutamente capace d'intendere e di volere, ho estratto la saldatrice, tolto il profilattico e sono rientrato.

Favoloso creampie durante l'anilingus

Che Creampie. Una sborrata nel culo così, non l'avevo mai vissuta. Un creampie favoloso! Sono venuto aggrappandomi forte al bacino della collega. Ho avvisato tutte che stavo per venire. E le due leccatrici di palle e di ano, hanno accentuato le loro leccate provocandomi una eiaculazione sbalorditiva. Ero incapace di tenere a freno il saldatore. Quante scintille. Mai viste tante scintille neppure a 100 leghe sotto i mari. Sono venuto urlando forte tutta la smodata brama di sesso che si era concentrata nelle palle e nel cazzo. Quelle lingue avevano avuto la capacità di raggiungere e accendere un interruttore interiore che non sapevo esistere. Il mio cervello viveva una sensazione di appagamento come mai prima. Alcuni nella stanza si sono girati di scatto richiamati dalla mia intensità, altri si sono fermati a vedere quello che succedeva. Ho urlato davvero forte, tra gli applausi degli spettatori ed i sorrisi della leccatrice di palle e della signora giudice amante dell'anilingus con i maschi.

Solo la mia collega, troppo brilla, non si è resa ben conto dell'accaduto. Almeno non subito. Dopo però sì, quando sono uscito dal culo e si è girata, sedendosi sul materasso ridotto a brandelli, ha sentito un liquido viscoso uscirle dal culo. L'ha toccato, poi annusato e infine leccato. Quando si è finalmente resa conto essere sperma, non l'ha presa molto bene. Ma io ho saputo farmi perdonare.

Da quel sabato, il mio nuovo nickname è l'Urlatore Anale. E soprattutto, da quel sabato, non mi faccio mai mancare l'anilingus della giudice, quando mi faccio il culo della mia collega o della sua amica, durante le feste del sesso.

ℵ ℵ ℵ ℵ ℵ ℵ

Scrivi nei commenti cosa ne pensi di questa storia. Il tuo parere è importante!

arrow up

Ti è piaciuto? Raccontami nei commenti qui sotto sensazioni, emozioni, fantasie bagnate. Diventeranno una storia. Oppure scrivimi: raccontipiccanti[chiocciola]raccontipiccanti.xyz. (Privacy Assoluta).

Storie Piccanti Recenti

Sesso estivo nel museo con mia sorella    ♠ Gustavo e la moglie fanno sesso prima delle vacanze estive    ♠ Mette incinta la cognata che non poteva avere figli    ♠ Lulù si eccita leggendo racconti erotici in sottoveste    ♠ Il sacerdote legato scopato dalla badante ucraina    ♠ L'amica di mia sorella mi fa un pompino in cameretta