Home
  1. O Famo Strano
  2.  
  3. La vendetta della moglie

La vendetta della moglie

Piera è stata tradita dal marito con la moglie del macellaio. Quel giovedì sera, con lo Strap-on dildo, mette in scena la vendetta della moglie.

Moglie con strap-on dildo

Piera ha scoperto quanto sospettava da tempo. Il marito Gustavo la tradisce. Ha le prove che il marito si scopa la dirimpettaia. Quella troia, moglie del macellaio dove di solito comprano la carne.

Piera ha trovato il modo di vendicarsi. Ha comprato uno Strap-On dildo su www.69shop.it, un grosso dildo da attaccarsi ai fianchi e vendicarsi del marito. Visto che al maritino negli ultimi tempi piacciono le cose più strane... Questa volta gli proporrà di invertire le parti: sarà lei a inculare lui.

L'occasione giusta è il giovedì sera. Per il venerdì il marito ha chiesto una giornata di permesso dal lavoro. Sono liberi di restare svegli tutta la notte.

Piera a letto si mostra molto più disponibile del solito. Sprona il marito ad arraparsi. Quello non vuole saperne, allora cavalca il marito e strofina la Bernalda calda sul Gustavino stanco. Dopo alcuni minuti il Gustavino si allunga adeguatamente. Piera gli tira giù il pigiama e la mutanda e inizia un pompino di riscaldamento. Gustavo biascica qualche parola di apprezzamento, ma non ha molta voglia perché nel pomeriggio è stato dalla moglie del macellaio a "comprare la carne". Ha voluto "provare nuovi tagli" di carne e si è stancato.

Piera lo sa e lo fa apposta. Gli dà un morso sul cazzo e quello salta sul letto.

"Cazzo Piera! Sei impazzita!?"

"Ti sei svegliato ora?"

Piera si mette in piedi sul materasso e si spoglia tutta. Poi si siede sul fallo di Gustavo e si dimena gustosa. Con tutta la rabbia che ha in corpo, si dimena violentemente sul marito. Gli sbatte la testa contro la spalliera del letto. Gustavo s'incazza e porta la moglie sotto. Gli rilascia una salva di penetrazioni molto apprezzate; tanto che Piera apre al massimo le gambe e incita a fare di meglio, infilandogli le unghia nelle spalle.

"Tutto qua quello che sai fare Gustavo? Così la soddisfi una donna? Sei una delusione!"

Gustavo si sente ferito nell'orgoglio. Prende la moglie a pecorina e la 'gastiga' con una serie di stantuffate nel culo. Piera grida come una dannata e butta i cuscini per l'aria.

"Fai schifo Gustavo! Non vali niente! Quel tuo cazzo non fa godere più nessuna! Più forte coglione!! Sempre che non li hai già consumati..."

Il marito è letteralmente scioccato. La moglie non si è mai comportata così.

"Ora ti faccio vedere io come si fa! Giochiamo a un gioco."

Piera estrae delle corde dal cassetto del comodino e lega il marito per le mani e i piedi: le mani a capo del letto e i piedi alla rete di sostegno del materasso. Estrae lo Strap-On dildo comprato on line dal secondo cassetto e lo lega ai fianchi.

"Piera... Cosa è quello? Cosa vuoi fare..."

"Buono caro non ti preoccupare. Ti faccio vedere come si deve inculare una donna."

"Sì, ma tu sei una donna. Piera... Piera slegami! ...Piera!"

Gustavo è talmente ben legato che non ha possibilità di muoversi. Piera s'inginocchia davanti il culo del marito e, senza neanche lubrificare il dildo da 22 cm, l'affonda nell'ano del fedifrago.

"Pieraaah!!"

"Tranquillo amore... Ci sono qua io ora..." Afferma maligna Piera.

La cornificata affonda forte il dildo nel culo del marito. Gli lacera la pelle nell'ano e tracce di sangue ricoprono il dildo. Quello urla e Piera lo insulta.

"Cosa c'è Gustavo... Tua moglie non ti piace più vero!?"

"Aaaaahaaah! Pieraaa! Fa male! Ti giuro che quando mi sleghi..." Digrigna tra i denti.

"Chi ti ha detto che ti slegherò..."

"Piera ma sei impazzita!?"

"Chiama qualcuna che ti venga a slegare. Tieni il cellulare — lo getta davanti a lui —, sono sicura che se chiami, qualcuna ti verrà ad aiutare."

Quando Piera pronuncia due volte "qualcuna", Gustavo si blocca. Il sangue gela nelle arterie e nei capillari, l'ano dolorante si anestetizza nonostante continui a ricevere perforazioni con cattiveria.

"Piera ti prego..."

"Chiama Gustavo! Ordina un chilo di carne! Vai! Chiama la troia!"

"Piera... dio che dolore!"

"Ti piaceva sfondarmi il culo una volta e ora piace a me."

Piera affonda talmente tanto che delle volte il dildo s'incastra ed è costretta a dare violenti strattoni per uscire. La punta dell'affare di plastica da grigia è diventata rossastra intensa.

Solo dopo alcuni altri minuti, Piera, esausta, esce dal culo del marito e si getta sul letto indossando ancora il sextoy.

Gustavo dolorante e quasi piangente osserva il giocattolo: "Ma quanto è grande... Eh? Che dolore! Mamma...mmmhmm... Quanto è grande Piera..."

"22 centimetri di cazzo finto, stronzo."

Piera si alza e va a farsi la doccia, lasciando il marito Gustavo legato al letto.

arrow up

Ti è piaciuto? Goditi il momento di piacere e raccontami nei commenti qui sotto sensazioni, emozioni, fantasie bagnate. Diventeranno una storia. Oppure scrivimi: raccontipiccanti[chiocciola]raccontipiccanti.xyz. (Privacy Assoluta).

Storie Piccanti Recenti

Halloween post party. Scopa amica con accanto marito ubriaco    ♠ Scopata da suocero e fidanzato 10 giorni prima del matrimonio    ♠ Lo psicologo e la psicologa fottono sul lettino del paziente    ♠ Scopata con la mia vicina di casa incinta    ♠ I fratelli gemelli e la sorella. Incesto a tre    ♠ Sesso estivo nel museo con mia sorella