Home
  1. O Famo Strano
  2.  
  3. La moglie legata scopata da Alejandro nella villa al mare

La moglie legata scopata da Alejandro nella villa al mare

Scopata e legata in veranda. La moglie bendata prende il cazzo del gigolò Alejandro, mentre lui si trastulla sulla poltrona da giardino.

Scopata legata e bendata
Foto: 21sextreme.com.

La moglie legata per le mani e piegata a 90 gradi sul tavolino della veranda. Le mani giunte dietro la schiena, dove l'uomo a pagamento la penetra nel culo bendato e anche lui con le mani legate dietro la schiena.

Con violenti movimenti del bacino entra nel suo culo. Lei mugola perché non può gridare. Il marito le ha tappato la bocca con un fazzoletto.

I gabbiani sulla spiaggia mangiano i pesci spiaggiati dalle violente mareggiate di questi giorni. I loro richiami sono decisamente più alti, delle urla strozzate della donna inculata nella villa al mare.

Quel gioco erotico piace molto al marito. Lui se la gode seduto tutto nudo e col cazzo ritto, davanti alla moglie inculata e imbavagliata.

Lei lo guarda mentre lo prende in culo. Con gli occhi comunica al marito quanto le piace prendere quel cazzo nel culo. Quanto le piace quell'uomo dal fisico scolpito e col grosso cazzo. Lo vorrebbe urlare. Vorrebbe gridare a squarcia gola che gli piace più di quello del marito. Ma è imbavagliata e lui non può interpretare le sue parole.

"Mmmhh! Mmmhhh! Mmmmh! Mmhhh!"

Non ricorda da quanti anni ha deciso di dire sì alle sue depravazioni. Ma dal momento che il marito gli presenta sempre uomini molto atletici e attraenti, lei tace, acconsente e gode.

Questo qui è nuovo. È la prima volta che viene. Ha un cazzo lungo quanto un gabbiano e pure largo. Uno di quelli che le allargano l'ano stretto donatole dalla natura. Quindi la fa gridare particolarmente. Certo, se non avesse il bavaglio alla bocca...

"Mmmh! Mmmh!"

Il gigolò Alejandro, nome d'arte, di solito dice no alle richieste troppo strane dei clienti. Preferisce dominare la situazione e per questo essere bendati e legati non gli piace molto. Ma come si fa a dire no ai mille euro messi sul tavolo. Ed ora naviga di tutto gusto in quell'ano stretto ma profondo. Lui almeno la bocca la tiene libera e può emettere i suoi suoni del piacere.

"Ah! Ah! Ah!" Ritmici.

"Ah! Ah! Ah! Ah! Oh! Oh Oh!" Prolungati.

Vanno avanti così da un bel po'. Così vuole il marito, seduto sulla poltrona da giardino, si dimena il fallo con gustosa perversione. Ride nel vedere la moglie prenderlo in culo a quel modo. Ride in faccia alla moglie e si dimena il cazzo con la sinistra. Lui fa tutto con la sinistra.

"Stop! Fermati". Dice ad Alejandro.

"Ora lo metti nella vagina di mia moglie".

Si alza e raggiunge la coppia legata. Sono appena quattro passi. Alejandro ha tolto il lungo pene dall'ano. Un cazzo rigido di 21 centimetri, rallegrato dalla brezza marina. Alejandro è legato e non può fare da solo. Ci pensa il marito della donna. Lo prende in mano con la destra e glielo mena prima di inserirlo nella grotta marina. Prova gusto a masturbare Alejandro e menarsi il suo fallo con la sinistra contemporaneamente. Lo bacia in bocca e Alejandro ricambia il bacio bendato.

Dice alla moglie di allargare lievemente le gambe: "Ecco così, brava".

È la posizione giusta per accogliere il Walter di Alejandro nella passera calda. Il marito lo posiziona, Alejandro infila e la moglie emette altri mugolii di apprezzamento.

Il ritmo acquista subito velocità. Il cazzo di Alejandro è bello. Le piace. Gode. Sogna di essere sola con lui nella camera da letto. Sogna di farselo all'insaputa del marito. E sarà quello che farà appena lui tornerà a lavoro, in giro per l'Italia. Si farà scopare un intero fine settimana da Alejandro. Sola e senza impedimenti. Sesso nelle più belle posizioni, ma senza nastri o fazzoletti a impedire i movimenti.

La passera è eccitata. Assai eccitata. Goccioline cadono sul pavimento, mescolandosi agli spruzzi del mare trasportati dal vento.

"Ah! Ah! Ah! Oh! Oh! Oh!" Alejandro gode.

Il marito pure se la gode menandosi il fallo.

"Dai! Valle dentro Alejandro! Fottiti la passera di mia moglie! A lei piace il tuo cazzo! Vai!"

Così è. Le piace tanto e non può urlarlo. Ma gode, e come se gode. Quel cazzo le allieta la passera, la fa cantare del canto dell'uccello più bello.

I gabbiani mangiano i pesci in riva al mare. Lei ne prende uno solo da 21 centimetri nella galleria della passione.

Il marito vuole completare la masturbazione, ormai sta per eiaculare sperma.

"Alejandro, vieni nella vagina di mia moglie".

Lei si gira di scatto verso il marito sgranando gli occhi. Non può credere a quella richiesta. Di solito le permette libertà negli ultimi minuti. E lei si fa sborrare nel culo, oppure in bocca o sulle tette, a seconda di come le piace in quel momento. Così mai. Nella vagina mai!

Alejandro non batte ciglio. Vira la prua verso la meta. Avanti tutta. A tutta velocità verso l'orgasmo.

Ha già promesso a se stessa che si vendicherà. Sì che si vendicherà. Non uno. Ma due e anche tre fine settimana. E non solo con Alejandro. Anche con due maschioni contemporaneamente. E userà i suoi soldi.

Il motoscafo di Alejandro ha un motore di elevata potenza. La vagina gode come massaggiata dall'acqua del mare durante un bagno nudo.

"Ah! Ah! Ah! Uh! Uh! Uh!" Alejandro va.

"Sì! Sì! Sì! Vieni!" Incita il marito dimenandosi sulla poltrona. In realtà aizza se stesso. Il gingillo non regge più all'eccitazione. Ogni manato lo fa sobbalzare. Ogni affondo di Alejandro è un doppio passo verso la eiaculazione. E...

"Aah! Vengo! Sborroooo!" Di corsa si alza e va a sborrare in faccia alla moglie.

"Ah! Ah! Uuuh! Oooh! UuuuuuuH! Aaah! Oooh!" Il rumoroso Alejandro segue con la sua venuta.

Una mareggiata copre le sponde della vagina. Una calda mareggiata di mezzanotte, piacevole e abbondante. Lo spumoso sperma si lega alle pareti della vagina, si posa come sulle scogliere poco distanti dalla casa al mare.

Legata e in parte consolata, pensa già al prossimo fine settimana sola con Alejandro. All'insaputa del marito perverso.

arrow up

Ti è piaciuto? Goditi il momento di piacere e raccontami nei commenti qui sotto sensazioni, emozioni, fantasie bagnate. Diventeranno una storia. Oppure scrivimi: raccontipiccanti[chiocciola]raccontipiccanti.xyz. (Privacy Assoluta).

Storie Piccanti Recenti

Halloween post party. Scopa amica con accanto marito ubriaco    ♠ Scopata da suocero e fidanzato 10 giorni prima del matrimonio    ♠ Lo psicologo e la psicologa fottono sul lettino del paziente    ♠ Scopata con la mia vicina di casa incinta    ♠ I fratelli gemelli e la sorella. Incesto a tre    ♠ Sesso estivo nel museo con mia sorella