Home
  1. X Lei
  2.  
  3. A zia Ludovica piacciono i racconti anali

A zia Ludovica piacciono i racconti anali

Sdraiata sulla terrazza di casa, legge uno dei racconti anali preferiti. Il nipote la vede dallo steccato mentre squirta di piacere.

Culo bella ragazza
Foto: bustyrex.com.

Ludovica è single per scelta. Il lavoro le basta e quando ha necessità di divertirsi sa dove attingere. La rubrica dello smartphone è piena. Ha l'imbarazzo della scelta.

A Ludovica piacciono i racconti anali. Quel pomeriggio estivo è sulla veranda, distesa sulla sdraio in legno ortopedico. Una sdraio molto comoda e curativa per la sua schiena da impiegata.

Rannicchia le gambe per poggiare il tablet da 13 pollici. Su Google ha cercato, come spesso fa: 'Racconti di sesso anale'.

Apre una storia attratta dal titolo. Legge la descrizione e poi inizia la lettura vera e propria. La storia è subito eccitante, prende a toccarsi il seno.

Legge che lei è legata con le braccia sotto la panca del giardino di casa, la bocca imbavagliata. L'amante incula la donna legata con un cazzo da energumeno. Mugola, mugola forte.

Ludovica contorce un capezzolo spinta dal desiderio. Quasi strappa la maglietta di dosso.

Nell'appartamento accanto abita la sorella. Non si è accorta del nipote: la sta guardando. Lui è lì da prima di lei. Prepara l'esame di diritto penale. Dallo steccato che separa le due case, ammira la bella zia Ludovica infilare la mano nell'intimità. Vede come lei allarga le gambe per affondare meglio le dita nella vagina.

La zia prosegue la lettura per conoscere cosa capita ai protagonisti della storia.

L'amante legata è ora libera di gridare la libidine anale, non più imbavagliata. Legge quanto la protagonista della storia sia in cerca di sensazioni forti come lei. Vuole essere schiaffeggiata sul culo mentre lo prende nel buco di dietro forte.

Ludovica entra nella storia. Con tutta la mano affonda nella vagina.

Il nipote guarda la contorsione della zia. In quell'attimo lei geme elevando lo sguardo al cielo. Non aveva mai sentito il gemito di piacere di Ludovica. Il cazzo è dritto di traverso nel jeans. Si tocca.

Ludovica riprende a leggere.

I due amanti hanno cambiato supporto e posizione. Lei è legata per le spalle e il bacino al tavolo del giardino. Il culo è sul bordo del tavolo. I polpacci di lei poggiano sulle spalle del bel maschione.

Lei grida: "Inculami! Inculami!"

Ludovica tra i denti e fuori di sé: "Inculami! Inculami!"

Il nipote da un pezzo ha abbandonato lo studio del diritto penale, per dedicarsi al suo pene. Reclama di uscire. Apre la cerniera e prende a masturbarsi. Quanto vorrebbe saltare lo steccato...

Zia Ludovica continua la lettura alternando momenti di lucidità a minuti di piccante godimento vaginale. Si abbassa pantalone e mutandina lilla, incurante di tutto.

Il nipote d'istinto porta una mano alla bocca strabiliato ed accelera la masturbazione. Sempre con la mano davanti l'espressione sorpresa, incomincia ad ansimare a bocca aperta soddisfatto.

Ludovica stimola il clitoride all'infinito. Ha poggiato il tablet per terra, è nella storia. È lei legata su quel tavolo, penetrata nel culo dal bel giovane biondo e muscoloso.

Il nipote può vedere le foto che accompagnano la storia. Vede foto di sesso anale accompagnare un testo scritto. Si tratta di un foto racconto porno. Capisce che alla zia Ludovica piacciono i racconti anali.

La zia Ludovica ha spalancato le gambe. È incontenibile. Tutta concentrata sul clitoride, a denti stretti, squirta di piacere.

Il nipote, futuro avvocato penalista, vede la pioggia di umori bagnare le cosce della zia e schizzare per terra.

Viene pure lui: "Ooooh!" Un rumoroso gorgheggio di soddisfazione gli esce dalle labbra spalancate.

Uno schizzo di seme raggiunge la staccionata, s'infila tra gli spazi delle stecche. Entra nella terrazza della zia. Un secondo schizzo e un terzo; strozza il godimento in gola, ma il seme esce tutto.

Zia Ludovica è rilasciata sulla sedia sdraio in toghe di legno. Ha gli occhi spalancati, fissi verso il godimento provato. A bocca aperta riprende fiato.

La sedia sdraio gronda umori vaginali. Piovono per terra come tante gocce di calda pioggia estiva.

Il nipote contempla tutta la scena.

Ludovica di scatto gira la testa verso di lui, lo fissa con lo sguardo attraversando le fessure dello steccato: "Ti è piaciuto?"

Lui resta impietrito.

"Lo so che sei lì. E per questo mi è piaciuto ancora di più. Tu sei venuto?"

"Alla grande." Risponde lui.

"Bene."

Un attimo di silenzio.

"A me piacciono le storie anali. A te?"

"A me piacciono tutti i tipi di storie, quelle anali comprese."

"Allora perché non mi fai vivere una storia anale con te? La porta di casa è aperta. Devi solo entrare."

⇒ Leggi il sequel: "Virgilio scopa la zia Ludovica di culo". ⇒

arrow up

Ti è piaciuto? Goditi il momento di piacere e raccontami nei commenti qui sotto sensazioni, emozioni, fantasie bagnate. Diventeranno una storia. Oppure scrivimi: raccontipiccanti[chiocciola]raccontipiccanti.xyz. (Privacy Assoluta).

Storie Piccanti Recenti

Halloween post party. Scopa amica con accanto marito ubriaco    ♠ Scopata da suocero e fidanzato 10 giorni prima del matrimonio    ♠ Lo psicologo e la psicologa fottono sul lettino del paziente    ♠ Scopata con la mia vicina di casa incinta    ♠ I fratelli gemelli e la sorella. Incesto a tre    ♠ Sesso estivo nel museo con mia sorella