Home
  1. O Famo Strano
  2.  
  3. Fratello e sorella scopano in compagnia dell'amica

Fratello e sorella scopano in compagnia dell'amica

Giorgio è chiuso e poco esperto. Sara, la sorella, è molto esperta. Un sabato Sara e l'amica Erica giocano a farsi prendere da lui e...

Scopata in tre

Sara ha un fratello che, come dire, non è molto estroverso e ama stare da solo. Ha avuto poche relazioni sentimentali e il sesso con una donna lo conosce appena.

Sara ha la stanza di fronte al fratello Giorgio, più piccolo di lei di appena 2 anni. Spesso Giorgio origlia alla porta della sua stanza quando fa salire un nuovo partner. Nel fine settimana spesso i genitori non ci sono e lei, si scopa gli amici senza fargli pagare l'albergo.

Quante seghe gli scappano a Giorgio, nel vedere sua sorella prenderlo in ogni dove. La cosa che più lo impressiona è vederla quando si fa fertilizzare le tette o sborrare in faccia.

Quello che Giorgio non sa, è che anche la sorella spia quando si fa le seghe. E spesso lei si masturba il clitoride nel corridoio. Sì, perché Giorgio sarà pure un amante del fai da te e un solitario, ma è davvero ben attrezzato. Sarà forse per questo che Sara passa di ragazzo in ragazzo ogni fine settimana, perché ancora non ha trovato un partner attrezzato come il fratello.

In camera con l'amica

Sara ama spassarsela anche con alcune amiche ben selezionate. Quel fine settimana invita l'amica fidata Erica, che studia con lei all'università. Erica è di un anno più grande.

Sono in camera che si danno molto da fare. A Erica piace soprattutto quando l'amica le infila il grosso dildo legato intorno ai fianchi, per simulare la penetrazione maschile. Quel sabato, però, ne vorrebbe uno vero.

"Cosa c'è Erica? Non ti piace più farlo con me?"

"Oddio Sara, scusami. Tu mi piaci sempre e da morire. Solo che..."

"Cosa c'è tesoro, apriti con me. Stai tranquilla".

"...E che vorrei un cazzo vero Sara!" Esclama lei.

"Capisco". Sara resta riflessiva per qualche secondo e poi le viene l'idea!

"Ci sono! Erica rivestiti".

"Come? Non capisco..."

"Fai come ti dico. Io torno subito".

Sara si è vestita in un lampo. Apre la porta e con un passo è dentro la camera di Giorgio, tutto soletto intento a giocare alla PlayStation.

Un gioco con il fratello Giorgio

"Giorgio...?"

"Ciao Sara. Dimmi".

"Ti va di giocare con me e la mia amica a un nuovo gioco?"

Giorgio si pone sulla difensiva: "Di cosa si tratta?"

"Non preoccuparti fratellino. Vedrai: ti piacerà un sacco..."

Chiama Erica e la presenta a Giorgio.

"Facciamo un gioco in tre? Vi va?"

Erica inizia a capire ma tace. Sara prende un foulard dalla sua stanza e spiega il gioco, mentre copre gli occhi del fratello.

"Il gioco consiste nel doverci prendere con gli occhi bendati Giorgio. Devi prenderci e immobilizzarci. Ma noi possiamo anche difenderci e tentare di immobilizzare te".

"Ok... Va bene". Dice Giorgio sempre più titubante, ma incuriosito da quel gioco con le due femmine più grandi di lui.

Le ragazze corrono per la camera di Giorgio e poi s'infilano in quella di Sara. Giorgio quasi accalappia Erica, che tra le grida scappa nel corridoio. Entrano nella camera da letto dei genitori e poi corrono al piano di sotto nell'ampio soggiorno.

Giorgio è bendato e a fatica scende le scale.

"Giorgio non barare! Non puoi togliere la benda!" Dice la sorella, che intanto con l'amica preparano una trappola proprio al termine della scala. Erica dovrà prenderlo e sederlo sulla sedia, mentre Sara gli legherà le mani dietro lo schienale.

Giorgio è all'ultimo gradino. Sara con uno spintone gli fa perdere l'equilibrio ed Erica lo accomoda sulla sedia. In un attimo Sara lega le mani dietro lo schienale in modo che il fratello non può più muoversi.

"Ehi! Ma cosa fate! Ferme! Non vale! Questo è scorretto! Non faceva parte delle regole del gioco!" Protesta lui.

Le due sorridono.

"Giorgio, siamo al piano di sotto e il gioco è cambiato. Tu sei il fratello monello e noi le tue sorelle... monellacce. Dovrai indovinare chi di noi due si è seduta sulle tue gambe. Per ogni errore pagherai un pegno".

Il gioco ha inizio. Si siede Erica ma crede sia la sorella. Poi si siede ancora Erica e Giorgio sbaglia ancora.

"Ma cosa fate..." Sara al primo errore gli ha aperto la zip dei pantaloni, al secondo gli ha sbottonato la cintura.

La terza volta Giorgio indovina, ma alla quarta no ed Erica gli tira fuori il pisello che, intanto, ha subito un rigonfiamento nella mutanda.

Sara ed Erica scopano Giorgio

Erica non resiste più e oltre a cacciarlo fuori lo prende tra le mani e lo dimena avidamente. Quello gli diventa lunghissimo tra le mani.

"Mio dio, Sara! Non mi avevi mai detto che tuo fratello ha un cazzo così lungo! Stronza! Te lo sei tenuto tutto per te, dì la verità".

"È la prima volta anche per me Erica e non sai quanto l'ho desiderato".

"Ma Sara! Cosa dici!?" Rimprovera la sorella Giorgio.

"Sì fratello. Non sai quante volte ti ho visto dalla serratura con il fratellino tra le mani e mi sono masturbata desiderando di prenderlo in figa".

Sara scosta l'amica e cavalca il fratello, prende la lunga asta con la sinistra — lei fa tutto con la sinistra — e lo infila dentro la fregna incestuosa.

"Aaah! Sì! Indovina chi sono? Ah! Ah!" E gli saltella sopra come non ha mai saltellato di piacere su nessun cazzo, perché mai nessuno è stato lungo come quello.

"Sarah! Saraah! Ooh! Oooh! Aooh! Saraah! Uuh! Che fai! Oh! Oh!"

"Zitto e godi fratello... Oh! Zitto e godi! Ah!"

Erica denuda il petto di Sara e lecca le tette, lecca bene bene tutto. Giorgio vorrebbe toccare con mano le tette della sorella, ma non può...

Erica si toglie la maglietta e il reggiseno. Avvicina i capezzoli delle tettone alla bocca di Giorgio e subito inizia a succhiare. Erica approva. Approva molto tra i mugolii roventi.

Sara è sempre più presa dal cazzo del fratello. Ora che è dentro di lei, non vorrebbe più lasciarlo. Erica lo reclama e allora cede il posto, ma non prima di inginocchiarsi tutte e due davanti i 23 centimetri di Giorgio, per succhiargli la liscia pelle rossa della capocchia e tutta l'asta. A Sara gli piacciono molto quelle grosse palle. Lei sa quanto sperma contengono.

Delle volte ha visto Giorgio venire liberamente senza usare fazzoletti per raccogliere il seme in uscita. Quando lo fa è perché è proprio tanto arrapato. Gli schizzi arrivano a bagnare la porta della cameretta e poi quanto sperma che gronda dalla bocca eruttiva...

Slap. Slap. Slap.

Erica lo mette in bocca e poi in gola.

Glop. Glop. Glop. Glap. Glap. Glop. Glap. Glop.

"Erica!" Esclama Sara allibita.

"Aaah! Che voglia di cazzo vero che c'ho, Sara!"

"Sì, continua. Fallo di nuovo!" Dice Giorgio che una cosa così non l'ha mai provata. L'ultima volta che ha fatto sesso, con quella sfigata secchiona del primo banco durante una festa di compleanno. Erano a casa di un amico. Al termine della serata tutti a fottere e lui impacciato si ritrova con il cerino in mano: anche lì. Per sua fortuna c'è la sfigata, anche lei con la fregna solitaria. Triste ma si accontenta.

Glap. Glap. Glop. Glop.

"Aaah! Aah! Basta! Basta! Non farmi venire! Metti il mio Rocky nella tua passera Erica, e avvicina le tette per farmele succhiare ancora. Ma fatemele pure vedere: per favore!"

Sara impedisce ancora una volta a Erica di salirci su e si mette lei. Lo prende ancora dentro e dà le sue tette al fratello.

Giorgio crede sia Erica, fino a quando...:"Ah! Ah! Ah! Ah! Sì Giorgio! Sì!"

"Sara sei tu!"

"Sì fratellino. Ti voglio tutto". E gli toglie la benda.

Allora Giorgio come in un flash rivede tutte le volte che la sorella salta sui cazzi degli amici. Non può credere che ora sta saltando sul suo.

Nel frattempo riesce a liberare le mani dalla corda mal legata e afferra i seni della sorella. Sara non crede ai suoi occhi. Non avrebbe voluto essere toccata, ma ora gli strizza le mammelle. Le mangia, gode a quella vista sempre sognata.

Gnam. Gnam.

Sara gode tanto di più: "Ah! Ah! Ah!"

Giorgio, che non è abituato a stare dentro una femmina, sta già per venire e allora si alza. Fa inginocchiare la sorella e le chiede le tette.

Dice a Erica di menargli il cazzo e di dirigere la pompa eruttiva verso le tette della sorella Sara.

Erica mena e come mena. Quel grosso cazzo è davanti ai suoi occhi. Stenta a crederci ma è vero.

"Ah! Aah!"

Ed ecco che sta per venirgli tra le mani. Sente lo sperma correre lungo l'asta, pompata dalle grosse palle di Giorgio.

"Aaah! Aaah! Aaagrrrh! AAAAH!"

Erica è spettatrice ravvicinata e vede il lungo e abbondante getto di Giorgio. Sara lo vede arrivare, come quando spia dal buco della serratura. Il lungo getto che vola in aria a parabola. Questa volta non c'è la porta, ma le sue tette! Come le bagna.

"Siii! Siii! Sorellina mia! Siii! Oooh! Continua Erica, non ti fermare! Pompa ancora che di sperma poi ce né anche per te dopo".

Erica si lecca le labbra, mentre Sara guarda dritto negli occhi il fratello con sguardo voglioso. Poi abbassa la testa puntando i seni completamente cosparsi di sperma e stende con le mani la crema incestuosa.

"Fratellino mio. D'ora in avanti... Quando ti devi sparare una sega chiamami, che le mie tette saranno tutte per te!" Gli sorride, intinge l'indice nella goccia di sperma caduta sul capezzolo e la gusta.

"Anche le mie! Anche le mie!!" Si affretta ad aggiungere Erica, che prese a frequentare molto più assiduamente quella casa.

arrow up

Ti è piaciuto? Goditi il momento di piacere e raccontami nei commenti qui sotto sensazioni, emozioni, fantasie bagnate. Diventeranno una storia. Oppure scrivimi: raccontipiccanti[chiocciola]raccontipiccanti.xyz. (Privacy Assoluta).

Storie Piccanti Recenti

Halloween post party. Scopa amica con accanto marito ubriaco    ♠ Scopata da suocero e fidanzato 10 giorni prima del matrimonio    ♠ Lo psicologo e la psicologa fottono sul lettino del paziente    ♠ Scopata con la mia vicina di casa incinta    ♠ I fratelli gemelli e la sorella. Incesto a tre    ♠ Sesso estivo nel museo con mia sorella